LA CREATIVITÀ SALVERÀ IL MONDO – EASY COVID 19

Le maschere da snorkeling di Decathlon modificate

Vediamo un po da dove iniziare. Inauguriamo questo mio nuovo blog con una storia così bella che era d’obbligo raccontarvi.
Ieri sera il messaggio in chat di cari amici, come stai?
L’avvio della conversazione, affetti, cibo, quarantena, e delle foto pubblicate sui social che mi avevano incuriosito.

Maschere da subacquea e un riferimento al Coronavirus.
Decido di approfondire la cosa e insisto. Allora Davide, così il suo nome, mi regala uno dei momenti più solidali mai vissuti.

Ingegnere meccanico con una passione per il modellismo ferroviario e la Lego, lo ritrovo dopo anni di lontananza impegnato non solo lavorativamente all’AVIO Spa (azienda aerospaziale italiana che opera nel settore dei lanciatori e della propulsione applicata a sistemi di lancio, missili e satelliti per conto dell’ESA, l’Agenzia spaziale europea), ma nelle vesti di Maker, un artigiano digitale di stampa 3D febbrilmente attivo in maniera noprofit nella produzione di “valvole charlotte”, elementi di innesto per i respiratori alle famose maschere da snorkeling di Decathlon Easybreath.

valvola charlotte

In un momento assurdo come quello che stiamo tutti vivendo, con un’Italia a doppia marcia nell’affrontare una condizione di collasso sanitario per colpa di un’ondata virale anomala ed una atavica malagestione politico sanitaria, scopro che ragazzi come Davide, makers di tutto lo stivale, sono operosi facendo rete nel sostenere con il loro contributo l’idea di un medico ex primario di un ospedale del bresciano, il dott. Favero, che grazie all’incubatore di start up Isinnova potrebbe svoltare l’attuale mancanza di coperture finanziarie per i presidi necessari alle cure fondamentali di chi ricoverato d’urgenza in terapia sub intensiva.

Davide continua il racconto. La notte, smessi i panni del lavoro quotidiano dopo quattro lunghe ore di viaggio in auto per tornare a casa, un bacio a moglie e figlio, e giù in cantina a stampare in solitaria e per il Fablab di Frosinone diretto da Elena Pierri.
File digitale, filo plastico biologico PLA (polimero acido lattico) e precisione di rifinitura per far si che i pezzi combacino alla perfezione per l’EASY COVID 19, ma anche visiere protettive per infermieri e dottori. Ore di ricerca, sperimentazione e applicazione che trovano finalmente soddisfazione nel senso sociale del prestare aiuto, confermando il sogno di chi crede che la creatività salverà il mondo.

In foto Davide Maugeri e la sua passione per la modellistica ferroviaria

Partiti con un semplice ci manchi, mi ritrovo così entusiasta in quel senso del dovere nel fare anch’io la mia parte parlandovi di loro, e contribuendo in tal modo a far crescere il team collaborativo.
Che dire, grazie Davide.

Grazie ragazzi.

Giovanni D’Onofrio

Per approfondire e dare una mano, questo è il link di presentazione e reclutamento per il fantastico progetto da donare agli ospedali.
https://www.isinnova.it/easy-covid19/

Per contattare il Fablab di Frosinone: https://www.fablabfrosinone.org

progetto dott. Favero e Isinnova

Nda. Si ringrazia Biomechatronics Lab IRCSS Neuromed per la foto di copertina dell’articolo.

Condividi sui tuoi social preferiti!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su telegram